Elso Simone Serpentini
La nature de li cose 
(La felusufìje 'n dialette terramane)

21

La giustizzje

 

Lu debbule te' solamente turte,

la legge chi la fa lu chhi furte.

Perci se sa la giustizzie ci ch'a,

la raggione ugne vodde chi la te'.

 

"E' pe' voi che mo' facce sta legge,

su de voi la forza mi se regge".

Accusc dice simbre chi cummanne

e te d l'idee che 'nte fa danne.

 

Ugne jurne che passe te n'addne

ch'a fa lu bben'atu 'nci sta niscine.

Quale ca la forme de guverne,

 

la giustizzie te' 'na forma eterne:

lu furte fa la legge e ci si abbotte,

chi n' furte ubbedisce e se fa fotte.

La giustizia

 

Il debole ha solamente torto,

la legge ci la fa il pi forte.

Perci si sa la giustizia quel che ,

e la ragione ogni volta chi ce l'ha.

 

"E' per voi che faccio questa legge,

su di voi la mia forza si regge".

Cos dice sempre chi comanda

ci d l'idea che non ci fa mai danno.

 

Ogni giorno che passa te ne accorgi

che a fare il bene tuo non c' nessuno.

Quale che sia la forma di governo,

 

il modello di giustizia proprio eterno

il forte fa la legge e ci riempie di botte,

chi non forte obbedisce e poi si fotte.

INDICE

eserpentini@libero.it