Elso Simone Serpentini
La nature de li cose 
(La felusufìje 'n dialette terramane)

26

Amore

 

E' belle delecate, nude e scazze,

sa essere crudele e pure toste,

depenne da lu puste dua s'apposte,

e da qulle che po' fa quande se azze.

 

Sa durm j 'nterre e 'nghe lu fradde,

ma s'adatte a tutte li temperature

e s'arrampica n'de l'edere a li mure,

purtenne muse longhe o coccia adde.

 

Po' grid: "So belle, furte e ricche !",

oppure: "Desperate mo m'embicche".

Sa sta bone 'nda fa n'ape su li rose,

 

ma sa essere pure peducchiose.

Te po' fa essere fedele o tradetore,

e tu lu s ca : se chiame Amore.

Amore

 

E' bello, delicato, nudo e scalzo,

sa essere crudele e anche molto,

dipende dal posto dove prende il balzo,

e da quello che sar il suo vero volto.

 

Sa dormire per terra e all'addiaccio,

ma s'adatta a tutte le temperature

s'arrampica come l'edera pur sul ghiaccio,

portando con s mille innervature.

 

Pu gridare: "Sono bello, forte e ricco!",

oppure: "Disperato ora m'impicco!"

Sa stare bene come un'ape sulla rosa,

 

ma sa anche essere cosa pidocchiosa.

Pu farti essere fedele o traditore,

e tu lo sai cos': si chiama Amore.

INDICE

eserpentini@libero.it