Elso Simone Serpentini
La nature de li cose 
(La felusufìje 'n dialette terramane)

15

Sopre a lu colle

 

Sopre a lu colle la lune sta a huardÓ,

n’ucchje lu te’ aperte e une chiuse,

su la spiagge je stinghe a passiggiÓ

e sente l’arie frasche qua lu muse.

 

Sopr’all’acque s’appicce li lampÓre

e su lu cile de stÔlle ne vate ca’ mijÓre;

‘na falŔne passe senza fa’ rumore,

qua dantre ‘nu sugne me s’armore.

 

Lu mare Ŕ calme e pare sta ddurmý,

ca’ luce se vate ‘ncore cchi¨ luntane,

‘Na notte come ‘n’andre de sta vita mi. 

 

Stu silŔnzje ‘nnu so sentýte maje;

ugne tante  m’arrive la voce de ‘nu cane.

Me sa che lu peccÓ ‘nnu sa, ma abbÓje.

Sopra il colle

 

Sopra al colle la luna sta a guardare,

un occhio ce l'ha aperto e uno chiuso,

sulla spiaggia me ne sto a passeggiare

e sento l'aria fresca, qua sul muso.

 

Sopra l'acqua vedo le lampare

e sul cielo le stelle son migliaia,

una falena passa senza fare rumore.

qua dentro un sogno mi scompare.

 

Il mare Ŕ calmo e pare stia dormendo,

qualche luce appare ancora pi¨ lontana.

Una notte come tante della vita.

 

Questo silenzio non l'ho mai sentito,

ogni tanto mi arriva la voce di un cane

Credo che non sappia perchÚ, ma abbaia.

INDICE

eserpentini@libero.it