Elso Simone Serpentini
La nature de li cose 
(La felusufìje 'n dialette terramane)

16

Alfo’

 

Alfo’, quaj sotte sta citt nostre ‘nza cagnte,

a’rmaste quasce uhule a cuma l’h lascite.

Je te lu diche paple: “Anche se ‘ngia crte,

me sa ch fatte quasce bone tu, che te n’h te”.

 

La ggente ancre come simbre se cumporte,

magne, bve, sparle e de ninte se n’emporte;

chi se d autorit sa appne legge e scrive

e a cap cirte cose la cocce ‘ngne ci-arrve.

 

Ccusc, Alfo’, succsse, je te l’aje a dice,

prbbje qualle che dicve tu, che lu sapje,

de t e di ‘lli belle pusje, sole tra amice

 

ancora ne parlme e ‘nge stufme de parl;

ma l’ddre, amica mi’, a noie ‘nge s’arsumje

e succde che de t se ne sta quasce a scurd.

Alfo'

 

Alfo', qua sotto la nostra citt non cambiata,

rimasta quasi come l'hai lasciata.

Te lo dico chiaramente: "Anche se non ci credi

credo che hai fatto bene tu, che te ne sei andato".

 

La gente si comporta ancora come sempre,

mangia, beve, sparla e non s'importa di nulla;
chi si d autorit sa appena leggere e scrivere

e a capire certe cose la testa non arriva.

 

Cos, Alfo', successo, te lo devo dire,

proprio quello che dicevi tu, che lo sapevi,

di te e di quelle belle poesie solo tra amici

 

ancora ne parliamo e non ci stanchiamo di parlare;

ma gli altri, amico mio, non c somigliano

e succede che di te se ne stanno quasi scordando.

INDICE

eserpentini@libero.it