Elso Simone Serpentini
La nature de li cose 
(La felusufìje 'n dialette terramane)

 

Ode a lu renŕre

 

Da quande so’ ‘rrivěte a ‘na certa etŕ

simbre cchiů me piace li cumudetŕ.

Ač perciň che je průbbje massŕre

tinghe voje de fa’ n’ode a lu renŕre.

 

Mčttetulu de notte bell’accŕnte,

sott’a lu lette, ma lu cchiů ‘mpurtante

ač che quande arrive ‘llu mumčnte

důhua sta’ tu lu tě belle presente.

 

Ccuscě ‘nte tocche a je cerchčnne,

a lu scure, a jě ‘ndorne tastčnne,

p’artruvŕ lu mŕneche důhua sta

 

e pe’ pijŕllu ‘mmane cume tě da fa.

Se ‘nzija maje te tocche a fa’ ‘na hučrre,

va feně che dapů… pěsce jo ‘ntčrre.

Ode al vaso da notte

 

Da quando sono arrivato ad una certa etŕ,

sempre di piů mi piacciono le comoditŕ.

E' per questo che proprio questa sera

voglio fare un'ode al vaso da notte.

 

Mettitelo di notte proprio accanto

sotto al letto, ma la cosa piů importante

č che quando arriva quel momento

dove sta tu abbia ben presente.

 

Cosě non ti tocca di cercarlo

al buio, ad andare intorno tastando

per ritrovare il manico dove sta

 

e per prenderlo in mano come devi fare.

Se non sia mai ti tocca fare una guerra

va a finire che poi pisci per terra.

INDICE

eserpentini@libero.it